Ultime news

  • DETRAZIONE FISCALE 110% SUPERBONUS

    Categoria: Energia

    Siamo rimasti zitti zitti sino ad oggi per non dare informazioni fantasiose.
    Ora cosa c'è di meglio che seguire le regole dell'Agenzia delle Entrate?
    In allegato.
     

    Tutte le attività previste di diagnosi e certificazione energetica, progettazione, direzioni lavori, asseverazioni, invio pratiche all'ENEA sono atività del nostro studio.
     

    PDF icon Guida_Superbonus110 agenzia entrate.pdf


  • REGOLE UTILIZZO IMPIANTI NEL PERIODO COVID 19 - SARS COV 2

    Categoria: Lavoro

    Durante l’utilizzo degli impianti:

     Evitare l’aria troppo secca che può generare, oltre al “disagio”, la secchezza delle mucose nasali aumentando negli anziani il rischio di contrarre infezioni respiratorie;

     Non dimenticare di mantenere idonee condizioni microclimatiche negli ambienti (es. la temperatura ideale per il benessere fisiologico è compreso tra i 24 e i 26°C con un grado di umidità relativa del 50%, ad oggi è consigliato tale tasso dove la vitalità del virus è trascurabile). L’uso degli apparecchi deumidificatori portatili potrebbe essere utile (anche se spesso il loro campo di azione dipende dai modelli e dalle modalità operative e si limita a singoli ambienti/stanze dell’abitazione. Tuttavia si consiglia prima e dopo l’utilizzo dei deumidificatori di effettuare la pulizia delle mani e un’accurata e regolare pulizia delle diverse componenti degli apparecchi (seguendo le indicazioni del produttore in base al tipo di modello). Fare viceversa attenzione ai livelli di umidità relativa eccessiva superiore al 70% perché in tale situazione si può favorire la crescita di contaminanti di natura microbica (batteri, virus, parassiti, funghi filamentosi [muffe]);

     Pulire regolarmente (si consiglia una volta al mese), in base alle indicazioni fornite dal produttore e ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo in dotazione all’impianto/climatizzatore per mantenere livelli di filtrazione/rimozione adeguati (sono generalmente in materiale plastico es. polietilene PE, poliestere PL, poliammide o nylon PA, ecc.). Alcuni marchi utilizzano già filtri di altissima efficienza chiamati High Efficiency Particulate Air filter (HEPA) o Ultra Low Penetration Air (ULPA) (UNI EN 1822). La polvere catturata dai filtri rappresenta un ambiente favorevole alla proliferazione di batteri e funghi, e comunque di agenti biologici. Evitare di utilizzare e spruzzare prodotti per la pulizia detergenti/disinfettanti spray direttamente sul filtro per non inalare sostanze inquinanti (es. COV), durante il funzionamento.

     Importante aprire regolarmente i balconi e le finestre per aumentare il ricambio, favorire la diluizione degli inquinanti, dell’aerosol biologico, della CO2 e ridurre gli odori, e l’umidità accumulati nell’aria ricircolata. Si sconsiglia di eseguire queste operazioni di pulizia in presenza di altre persone;  Pulire regolarmente le prese e le griglie di ventilazione con panni in microfibra inumiditi con acqua e con i comuni saponi, oppure con una soluzione di alcool etilico con una percentuale minima del 70% v/v asciugando successivamente. La pulizia delle griglie contribuisce al buon mantenimento generale dell’aria negli ambienti;

     La stessa attenzione deve essere posta al posizionamento dei mini condizionatori portatili personali, alla pulizia dei filtri e del contenitore per l’acqua.

    Nel caso in cui alcuni ambienti dell’abitazione siano dotati di ventilatori a soffitto o portatili a pavimento o da tavolo che comportano un significativo movimento dell’aria, si consiglia di porre attenzione in presenza di soggetti non appartenenti al nucleo familiare. Nel caso in cui queste apparecchiature vengano utilizzate (es. durante le alte temperature e le ondate di calore) da persone dello stesso nucleo familiare non rappresentano un problema. In ogni caso si ricorda di posizionare i ventilatori ad una certa distanza dalle persone (non vanno indirizzarti direttamente sulle persone). Nel caso in cui le apparecchiature vengano usate in presenza di più persone non appartenenti al nucleo familiare, si consiglia una maggiore cautela nell’utilizzo, chiudendo la porta della stanza e tenendo aperte le finestre della stanza. Prima di utilizzare qualsiasi prodotto è opportuno leggere attentamente le etichette, le istruzioni d’uso, rispettando le quantità raccomandate dai produttori (es. utilizzando il tappo dosatore presente su tutte le confezioni dei prodotti). L’errato utilizzo o diluizione di un prodotto può ridurre l’efficacia della pulizia o portare a risultati finali inattesi. L’efficacia dei disinfettanti (es. alcool etilico, ipoclorito di sodio) è legata alla necessità di rimuovere preventivamente la polvere e lo sporco. Inoltre l’uso eccessivo e ripetuto di prodotti di pulizia può causare irritazione delle vie respiratorie e dermatiti rendendo più vulnerabili a batteri 7 e virus (controllo dei simboli di pericolo sulle etichette). Scegliere, se possibile, prodotti senza profumazione/fragranze e senza allergeni ricordando che il pulito non ha odore. Le eventuali profumazioni dei detergenti contengono COV che degradano la qualità dell’aria indoor e non vanno usati in presenza di soggetti asmatici. Non miscelare i prodotti di pulizia, in particolare quelli contenenti di ipoclorito di sodio, come la candeggina, con ammoniaca, o altre sostanze acide, ad esempio aceto, e non aggiungere ammoniaca ad anticalcare/disincrostanti. Tutti i prodotti vanno usati con estrema cautela, indossando sempre i guanti. Molti dei comuni prodotti utilizzati per la pulizia della casa se usati correttamente possono inattivare il virus SARS-CoV-2.



  • Verifica della messa a terra: modifiche al DPR 462/01

    Categoria: Lavoro

    Segnaliamo che il DPR 462/01 è stato modificato dal DL 162/19, aggiungendo l’art. 7-bis.
    La modifica (art. 7-bis) ha lo scopo di rendere più efficace il sistema delle verifiche, per ridurre il numero di infortuni (mortali o fortemente invalidanti) di origine elettrica, attraverso un maggiore coinvolgimento di INAIL e l’applicazione di un tariffario che consenta l’esecuzione a regola d’arte di tutte le verifiche (una parte della tariffa sarà versata dall’Organismo abilitato ad INAIL). Vi è inoltre il nuovo obbligo, per il datore di lavoro, di indicare all’INAIL il nominativo dell’Organismo abilitato che ha eseguito la verifica (l’obbligo non riguarda peraltro le verifiche ante art. 7-bis): INAIL sta implementando rapidamente all’interno del proprio software CIVA tale funzione, che al momento non è ancora disponibile, ma lo sarà a brevissimo. Per adempiere all’obbligo di comunicazione ad INAIL, Le suggeriamo di restare in attesa che tale funzione sia attivata. 
    Siamo a disposizione per la consulenza del caso.
     

    Articolo riprodotto da informativa Ente Abilitato ELLISSE.

    PDF icon Nuovo DPR 462


  • Manovra 2020: nessuno sconto in fattura per Ecobonus e Sismabonus.

    Categoria: Energia

    Addio allo sconto in fattura per Sisma Bonus e per l’ Ecobonus per interventi sulle singole unità immobiliari. La legge di Bilancio 2020 ha rivisto le modalità di fruizione dei bonus fiscali, confermando il cosiddetto sconto in fattura per i soli lavori di efficientamento energetico di importo superiore a 200mila euro.

    La disciplina dello sconto in vigore dal 1 gennaio 2020, continua, dunque, ad essere consentita solo per i lavori di risparmio energetico, purché qualificati come ristrutturazioni importanti di primo livello.

    Saranno agevolati quindi gli interventi inerenti l’involucro edilizio con un’incidenza superiore al 50% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio. E quelli che interessino l’impianto termico per il servizio di climatizzazione invernale e/o estiva asservito all’intero edificio.

    Fonte: TEKNORING.
    Rivolgetevi al nostro studio per ulteriori informazioni.



  • DISTACCO DAL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO

    Categoria: Energia

    E' utile ricordare i fondamentali come riportato dal sito TEKNORING in data odierna.

    Estratto:

    I diritti individuali dei condomini

    Alcune sentenze della Cassazione ricordano che “in tema di condominio negli edifici, è nulla – e quindi non soggetta al termine di impugnazione di cui all’art. 1137 c.c. – la delibera assembleare che addebiti le spese di riscaldamento ai condomini proprietari di locali cui non sia comune, né siano serviti dall’impianto di riscaldamento, trattandosi di delibera che riguarda i diritti individuali di tali condomini e non alla mera determinazione quantitativa del riparto delle spese” (vedi anche Cass. 22634/2013).

    Il condomino può legittimamente rinunziare all’uso del riscaldamento centralizzato e distaccare le diramazioni della sua unità  immobiliare dall’impianto termico comune, senza necessità  di autorizzazione od approvazione degli altri condomini, fermo il suo obbligo di pagamento delle spese per la conservazione dell’impianto. (vedi anche Cass. 7518/2006 e Cass. 16365/2007).

    Pertanto, il condomino che non fruisce del riscaldamento centralizzato non è tenuto al pagamento delle spese relative al consumo. Se la delibera condominiale stabilisce il contrario, questa non può essere ritenuta legittima e il condomino può contestare le spese del riscaldamento anche in sede di opposizione al decreto ingiuntivo. La nullità  delle delibere assembleari può essere accertata incidentalmente anche nel corso del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo. Questo ove la pretesa creditoria del condominio sia fondata sul rendiconto approvato dall’assemblea e nonostante lo stesso non sia stato previamente impugnato in giudizio.

    Abbiamo un'esperienza ultradecennale su queste pratiche di distacco dall'impianto centralizzato e vi invitiamo a contattarci per informazioni e preventivi.

    Il TEAM Viganego Engineering



  • Si avvicina la scadenza per la consegna della Diagnosi Energetica

    Categoria: Energia

    Entro il 22 dicembre i soggetti obbligati (grandi imprese ed energivore) dovranno aver effettuato la Diagnosi Energetica, per inviarla all’Enea.

    La Diagnosi è prevista ogni quattro anni e questa è la seconda “tornata”, dopo la novità normativa del Decreto Legislativo 102 del 2014 che ha introdotto l’obbligo a partire dal 2015.

    La Diagnosi Energetica rappresenta il principale strumento a disposizione delle aziende per avviare un percorso di efficientamento energetico. Con questo audit, infatti, si scatta una fotografia dettagliata del fabbisogno energetico aziendale, suddiviso in tutte le sue utenze, e si individuano gli interventi prioritari per un miglioramento che conduca a ridurre il fabbisogno e i costi dell'energia.

    Sono previste sanzione per il mancato adempimento da 4.000 a 40.000,00€.

    Anche se tardivamente si possono caricare le diagnosi sul portale ENEA.

    Rivolgetevi al nostro studio per organizzare audit, redazione e consegna della diagnosi energetica!



  • DIAGNOSI ENERGETICHE E SISTEMI DI MONITORAGGIO

    Categoria: Energia

    News dall'ENEA riguardo alla questione della scadenza del 5 dicembre 2019 per la presentazione dell'aggiornamento delle DIAGNOSI ENERGETICHE.

    - la diffusione dei sistemi di monitoraggio richiesti obbligatoriamente dalla diagnosi energetica da presentare alla prossima scadenza del 5 dicembre 2019 non sembra adeguata; dall’indagine presso gli operatori risulta che solamente l’11% circa delle imprese avrebbe espletato completamente la procedura; le aziende, però, per il 55% rispondono di aver già predisposto un piano in linea con i suggerimenti di Enea (il 32% lo avrebbe già implementato) e solo il 13% risponde in maniera negativa;

    - l’approccio al “miglioramento continuo” dell’efficienza energetica, reso possibile da appositi strumenti gestionali, comincia a diffondersi seppur con ampi margini di miglioramento. A seguito della Diagnosi Energetica, il 70% delle imprese ha dichiarato di non aver intrapreso un percorso di certificazione secondo la norma ISO 50001, ma la restante parte si divide tra chi lo ha già effettivamente implementato (16%) e chi è comunque in fase di certificazione (10%).

    Dati interessanti che incoraggiano il nostro lavoro di Energy Manager.



  • Ecobonus e cessione del credito siamo con te per cogliere questa nuova opportunità!

    Categoria: Energia

    La cessione del credito, articolo 10 del D.L. 30/04/2019 n.34, offre a tutti coloro che vogliono rinnovare il proprio impianto di riscaldamento di accedere agli incentivi del 65% e 50% direttamente con uno sconto in fattura, senza aspettare 10 anni.

    Anche gli altri interventi previsti dall'ECOBONUS sono scontabili.

    Il nostro studio è a disposizione per la pratiche del caso.
    CONTATTACI!

     

     



  • La contabilizzazione con la nuova UNI 10200

    Categoria: Energia

    Interessante articolo ben commentato al seguente link di LogicalSoft.
    https://www.logical.it/focus/la-contabilizzazione-con-la-nuova-uni-10200-2018?stat=2598&c=MTFyYWZmYWVsbGEucGF0cm9uZUBnbWFpbC5jb20zOA==&utm_source=logical&utm_medium=email&utm_campaign=2019-08-29-focus-trm-la-contabilizzazione-con-la-nuova-uni-10200
    Per ulteriori approfondimenti chiamate il nostro studio al numero di cellulare 393 9137877 o fisso 0185 358114.

     



  • Detrazioni per efficientamento energetico

    Categoria: Energia

    Detrazioni per efficientamento energetico, in questo focus tutto quello che occorre sapere su interventi ammessi, aliquote, superbonus e cessione del credito

    La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato la possibilità di usufruire delle detrazioni per efficientamento energetico, ma sono cambiate le regole rispetto al passato, sia per quanto riguarda le aliquote di detrazione, sia per le modalità di cessione del credito.

    In questo Focus analizziamo tutti gli aspetti legati alle detrazioni per efficientamento energetico.

    Detrazione per risparmio energetico

    L’agevolazione fiscale per il risparmio energetico consiste in detrazioni dall’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall’Ires (Imposta sul reddito delle società) ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

    Le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi), l’installazione di pannelli solari, la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, ecc.

    Indipendentemente dalla data di avvio degli interventi cui le spese si riferiscono, per l’applicazione dell’aliquota corretta (50, 65, 70, 75%) occorre far riferimento:

    • alla data dell’effettivo pagamento (criterio di cassa) per le persone fisiche, gli esercenti arti e professioni e gli enti non commerciali
    • alla data di ultimazione della prestazione, indipendentemente dalla data dei pagamenti, per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali (criterio di competenza).

    Quando gli interventi consistono nella prosecuzione di lavori appartenenti alla stessa categoria, effettuati in precedenza sullo stesso immobile, ai fini del computo del limite massimo della detrazione occorre tener conto anche delle detrazioni fruite negli anni precedenti.

    Efficientamento energetico, interventi ammessi e aliquote

    Prima di affrontare il tema della cessione del credito, ricapitoliamo nella tabella seguente le tipologie di intervento di efficientamento energetico ammesse e le relative aliquote previste.

    INTERVENTI AMMESSI

    ALIQUOTA DETRAIBILE

    Serramenti e infissi

    50%

    Schermature solari
    Caldaie Biomassa
    Caldaie a condensazione classe A
    Caldaie a condensazione classe A+ (con sistema di termoregolazione evoluto)

    65%

    Pompe di calore
    Scaldaccqua a PDC
    Coibentazione involucro
    Collettori solari
    Generatori ibridi
    Sistemi di Building Automation
    Microgeneratori
    Interventi condominiali (superficie >25%) 70%
    Interventi condominiali (superficie >25% + qualità media) 75%
    Interventi condominiali combinati efficientamento energetico + riduzione 1 classe rischio sismico 80%
    Interventi condominiali combinati efficientamento energetico + riduzione 2 classi rischio sismico 85%

    Da notare che per gli interventi condominiali sono previste detrazioni maggiori in certe condizioni. Entrando nel dettaglio, è prevista:

    • una detrazione del 70% per gli interventi sull’involucro con un’incidenza superiore al 25% della superficie dell’edificio su una spesa complessiva non superiore a 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio
    • una detrazione del 75% per miglioramento della prestazione energetica invernale e estiva  che conseguano almeno la qualità media di cui al dm 26 giugno 2015. La spesa complessiva massima è pari a 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio

    Per gli interventi combinati è previsto un super-bonus: per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente a:

    • riduzione del rischio sismico
    • riqualificazione energetica

    spetta, in alternativa alle detrazioni previste per l’ecobonus maggiorato 70%-75% (comma 2- quater art. 14 dl 63/2013) e per il sismabonus (art.16 comma 1 quinques):

    1. una detrazione dell’80%, ove gli interventi determinino il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore
    2. una detrazione dell’85%, ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori

    Il tetto di spesa è pari a 136.000 € per ogni unità immobiliare del condominio.

    Il super-bonus condomini rappresenta un’occasione da non lasciarsi scappare per coloro che intendono riqualificare il proprio condominio, potendo usufruire di una maxi detrazione anche in zona sismica 3.

    Cessione del credito

    Le regole per la cessione del credito sono abbastanza complesse e hanno subito variazioni nel corso degli anni.
    Vediamole, con riferimento agli anni 2016,2017 e 2018.

    Spese sostenute nel 2016

    Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 finalizzate alla riqualificazione energetica di parti comuni di edifici condominiali, i condòmini che si trovano nella cosiddetta “no tax area” (incapienti) possono cedere ai fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi un credito pari alla detrazione Irpef spettante, come pagamento di una parte del corrispettivo.

    I contribuenti interessati sono i condòmini che non possono usufruire della detrazione perché possiedono redditi esclusi da Irpef (o per espressa previsione o perché l’imposta lorda è assorbita dalle detrazioni).

    Secondo quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate (provvedimento 22 marzo 2016):

    • la situazione di incapienza deve sussistere nel periodo d’imposta 2015
    • il credito cedibile è pari al 65% delle spese poste a carico al singolo condomino, in base alla tabella millesimale di ripartizione, e riguarda le spese sostenute nell’anno 2016, anche se riferite ad interventi iniziati in anni precedenti
    • la volontà di cedere il credito deve risultare dalla delibera dell’assemblea che approva gli interventi di riqualificazione energetica oppure da una specifica comunicazione inviata successivamente al condominio. Il condominio deve comunicare questa volontà ai fornitori che, a loro volta, devono accettare, in forma scritta, la cessione del credito a titolo di parziale pagamento del corrispettivo per i beni ceduti o i servizi prestati
    • il credito ceduto ha le stesse caratteristiche della detrazione teoricamente spettante al condomino e, quindi, il fornitore potrà utilizzarlo in 10 quote annuali di pari importo, a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è stata sostenuta la spesa di riqualificazione energetica. In particolare, il credito è utilizzabile in compensazione, a partire dal 10 aprile 2017 e mediante il modello F24, esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. La quota di credito non fruita nell’anno può essere riportata nei periodi d’imposta successivi ma non può essere chiesta a rimborso.

    Per verificare la correttezza della cessione della detrazione da parte del condomino e della fruizione del credito da parte dei fornitori, è previsto che:

    • il condominio paghi, entro il 31 dicembre 2016, le spese corrispondenti alla parte non ceduta sotto forma di credito, mediante l’apposito bonifico bancario o postale;
    • l’amministratore del condominio comunichi telematicamente all’Agenzia delle Entrate una serie di dati;
    • il condominio è inoltre tenuto ad informare i fornitori dell’avvenuto invio della comunicazione.

    Spese sostenute nel 2017

    Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, compresi quelli che danno diritto alle maggiori detrazioni del 70 e 75%, i condòmini appartenenti alla no tax area (incapienti) nell’anno precedente a quello della spesa, possono cedere un credito pari alla detrazione Irpef spettante.

    La cessione può essere disposta in favore:

    • dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi;
    • di altri soggetti privati (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti);
    • di istituti di credito e intermediari finanziari.

    I soggetti che ricevono il credito hanno, a loro volta, la facoltà di cessione.

    E’ esclusa la cessione del credito in favore delle Amministrazioni Pubbliche.

    Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 28 agosto 2017 sono state definite le modalità di cessione dei crediti.

    Per i soggetti incapienti, il credito d’imposta cedibile corrisponde:

    • alla detrazione del 65% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, per gli interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni degli edifici;
    • alla detrazione del 70% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, per gli interventi condominiali che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio stesso;
    • alla detrazione del 75% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, per interventi finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualità media di cui al Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico 26 giugno 2015).

    Tutti gli altri soggetti possono invece cedere solo il credito d’imposta corrispondente alle detrazioni del 70 e del 75%.

    Il condòmino può cedere l’intera detrazione calcolata o sulla base della spesa approvata dalla delibera assembleare per l’esecuzione dei lavori, per la quota a lui imputabile, o sulla base delle spese sostenute nel periodo d’imposta dal condominio, anche sotto forma di cessione del credito d’imposta ai fornitori, per la quota a lui imputabile.

    Spese sostenute nel 2018

    La Legge di Bilancio 2018 ha modificato i commi 2-ter e 2-sexies dell’art. 14 del D.L. 63/2013 e ha ampliato la possibilità di cessione del credito corrispondente alla detrazione a tutte le ipotesi di interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle unità immobiliari, sia singole sia condominiali. In particolare, la cessione è disciplinata distinguendo tra soggetti cosiddetti “incapienti” (di cui al comma 2-ter) e gli altri soggetti diversi (di cui al comma 2-sexies):

    • i soggetti che si trovano nella “no tax area” (ovvero pensionati, lavoratori dipendenti e autonomi incapienti), possono optare per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per tutti gli interventi di riqualificazione energetica, sia se effettuati sulle singole unità immobiliari, sia sulle parti comuni. La cessione può avvenire nei confronti dei fornitori che hanno effettuato gli interventi, ovvero verso altri soggetti privati, con facoltà che il credito sia poi nuovamente cedibile. Per tali soggetti, è possibile la cessione del credito anche alle banche e agli intermediari finanziari (con esclusione delle Amministrazioni Pubbliche);
    • i soggetti diversi da quelli che si trovano nella “no tax area” possono optare per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per tutti gli interventi di riqualificazione energetica. La cessione può avvenire nei confronti dei fornitori che hanno effettuato gli interventi, ovvero verso altri soggetti privati, con facoltà che il credito sia poi nuovamente cedibile. Per tali soggetti, è espressamente vietata la cessione del credito alle banche e agli intermediari finanziari, oltre che verso le Amministrazioni Pubbliche.

    Per i lavori eseguiti dal 1° gennaio 2017 sulle parti comuni degli edifici condominiali, per i quali si ha diritto alle detrazioni più elevate del 70 e del 75%, i beneficiari, diversi dai soggetti incapienti, possono scegliere di cedere il edito:

    • ai fornitori che hanno effettuato gli interventi;
    • ad altri soggetti privati (persone fisiche, anche se esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti).

    Non possono cedere il credito, invece, a istituti di credito, intermediari finanziari e amministrazioni pubbliche. I soggetti che ricevono il credito hanno, a loro volta, la facoltà di cessione.

    Incapienti, chi sono?

    Si considerano “incapienti” i contribuenti che hanno un’imposta annua dovuta inferiore alle detrazioni (da lavoro dipendente, pensione o lavoro autonomo) spettanti.

    In sostanza, sono incapienti i contribuenti che nell’anno precedente a quello in cui hanno sostenuto le spese si trovavano nelle condizioni indicate:

    • nell’articolo 11 comma 2 del TUIR, cioè i pensionati con reddito complessivo costituito solo da redditi da pensione non superiori a 7.500 euro, goduti per l’intero anno, redditi di terreni per un importo non superiore a 185,92 euro, reddito dell’abitazione principale e relative pertinenze;
    • nell’art. 13 comma 1 lett. a) del TUIR, cioè i lavoratori dipendenti e i contribuenti con redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente con reddito complessivo non superiore a 8.000 euro;
    • nell’art. 13 comma 5 lett. a) del TUIR, cioè i contribuenti con redditi derivanti da lavoro autonomo o da un’impresa minore e i possessori di alcuni “redditi diversi” (indicati nell’art. 50, comma 1, lettere e, f, g, h e i del TUIR, ad eccezione di quelli derivanti dagli assegni periodici), di importo non superiore a 4.800 euro.

    Come si utilizza il credito

    Il credito d’imposta attribuito al cessionario, che non sia oggetto di successiva cessione, va ripartito in dieci quote annuali di pari importo. Tali quote sono utilizzabili in compensazione, presentando il modello F24 esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

    Il successivo cessionario, che non cede ulteriormente il credito, lo utilizza in compensazione sulla base delle rate residue. Se l’importo del credito d’imposta utilizzato risulta superiore all’ammontare disponibile, anche tenendo conto di precedenti fruizioni, il relativo modello F24 è scartato.

    Lo scarto è comunicato a chi ha trasmesso il modello F24 tramite apposita ricevuta, consultabile mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

    La quota di credito che non è utilizzata nell’anno può essere utilizzata negli anni successivi, ma non può essere richiesta a rimborso.

    FONTE: biblus.net by ACCA



Pagine

Ultime news

Pagine

La nostra brochure


Brochure 2016

Agenzia Casa Clima

Michele Viganego

Dicono di noi...